Cosa significa serendipità?

Cosa significa serendipità? Da dove deriva questo termine?

Il termine serendipità ormai è presente in molti dizionari italiani (per es. Hoeply.it). Sta ad indicare la capacità, o meglio l’attitudine, a trovare informazioni, scoprire qualcosa, comprendere un fenomeno in modo del tutto casuale. Insomma: scoprire qualcosa che non si stava cercando affatto.

Per usare una fonte autorevole, possiamo definirla così:

 «Capacità di cogliere e interpretare correttamente un fatto rilevante che si presenti in modo inatteso e casuale nel corso di un’indagine scientifica diversamente orientata. L. Satta: ‘Serendipità’: strano termine, introvabile nei dizionari: ‘Sta a indicare – usiamo le parole di un illustre clinico – la capacità di un ricercatore di rilevare e interpretare correttamente un fenomeno occorso in modo del tutto casuale’. E si cita l’esempio di Fleming e della penicillina. Insomma è il fare una scoperta quando le ricerche non sono orientate verso quella scoperta (Battaglia, Grande dizionario della lingua italiana).

Il termine deriva dall’inglese serendipity, voce coniata da H. Walpole nel 1754 nel romanzo ‘Three princes of Serendip’, un’avvincente storia di tre giovani che hanno il dono naturale di scoprire oggetti di valore senza cercarli. Etimologicamente deriva da ‘Serendip’ (o ‘Serendib’), il nome dell’isola di Sri Lanka.

Se riflettiamo con attenzione vedremo che spesso la navigazione nel web è caratterizzata da continui casi di “serendipità”: quante volte vi sarà capitato di trovare su un sito un’informazione utile che non stavate cercando, in modo del tutto casuale?

Enjoy yourself!

One comment

  1. Graziella Aitala scrive:

    Suggerisco di leggere: “SERENDIPITA’ Istruzioni per l’uso” di Massimo Mongai – collana I Libri Saggi – Robin Edizioni
    Il termine Serendipity, coniato intorno alla seconda metà del ‘700 da Horace Walpole, trae origine dal titolo della Fiaba “I tre principi di Serendippo” e indica la facoltà di compiere felici e inaspettate scoperte. E’ quel momento magico in cui nell’andare in cera di qualcosa…